fem

pourquoi il y a quelque chose plutôt que rien? (Leibniz)

Info

Francesca E. Magni

stesso compleanno di: Leonardo da Vinci, Eulero, Claudia Cardinale, Corrado Alvaro, Robert Walser, Henry James, William Grosvenor Congdon. Stesso compleanno di Shmuel, il bambino con il pigiama a righe e del suo amico Bruno.

nata lo stesso giorno della morte di: Totò, Bernard Marie Koltes, Jean Paul Sartre, Jean Genet, Abramo Lincoln, Giovanni Gentile, Greta Garbo, William Grosvenor Congdon

lo stesso giorno: dell’inizio della protesta di Piazza Tien an men, della fine del Titanic, dell’inaugurazione della Prima mostra degli impressionisti a Parigi

La parte informativa sulla data della mia morte la compilate voi, grazie

E per quanto riguarda il mio blog:

19 commenti »

  1. stesso compleanno di: Omar Kayyam,J.J.Froberger, B.Russel, W.Gropius, Augusto Sandino; papa Wojtyla

    quando festeggio il mio compleanno commemoro anche la morte di: piero Pomponazzi, Georg Boehm, Gustav Mahler, Corrado Segre, Dante di Nanni, Enzo Tortora

    lo stesso giorno: dell’approvazione in Rhode Island della prima legge che rende la schiavitù illegale nel Nord America; dell’incoronazione di Napoleone a imperatore;del passaggio della terra nella coda della cometa di Halley.

    i giorni successivi fino ad oggi contano molto meno, e io non li conto, su quelli futuri, invece, non ci conto troppo. Non mi resta che l’eterno presente.

    Commento di Guido | novembre 1, 2007 | Rispondi

  2. ah bè certo un minotauro non poteva che essere del toro…

    come tutti i giorni anche il tuo ha dentro tutto e il contrario di tutto, son contenta che il gioco ti sia piaciuto.

    contare i giorni è atto da carcerato, concordo. Però a volte toglie l’insonnia.

    carpe diem, al solito!

    fem

    Commento di forzaelettromotrice | novembre 1, 2007 | Rispondi

  3. preferisco contare pecorelle bianche e nere 🙂 e poi, attenzione, non solo semplice carpe diem, ma eterno presente, che è questione più contorta.
    commento musicale: Guccini, a scelta tra Un’altro giorno è andato, Canzone dei dodici mesi, Canzone della vita quotidiana.

    Commento di Guido | novembre 1, 2007 | Rispondi

  4. l’eterno ritorno del presente…

    Commento di forzaelettromotrice | novembre 1, 2007 | Rispondi

  5. un po’ come il nastro di moebius o, appunto, il toro: giri giri ma sempre là sei 🙂

    Commento di Guido | novembre 1, 2007 | Rispondi

  6. sì ma il toro è una semplice ciambella, a meno che in 3-D si possa staccare e riattaccare come si fa con un nastro e poi creare un moebius 3-D, interezzante, aspetta mo’ che parte la recherche…. (a meno che non ho appena scoperto la bottiglia di Leyda, bho?)

    comunque:
    il toro (rovesciato alla moebius) o, appunto, l’infinito

    mef (= fem rovesciata)
    o meglio:
    meffem femmef (palindromica e infinita, se si attaccano insieme le lettere iniziali e finali)

    Commento di forzaelettromotrice | novembre 1, 2007 | Rispondi

  7. l’eterno presente di internet, finché dura la corrente (elettrica)

    internet eternet eternit

    be’ buonanotte

    fem
    (mi stacco dallo schermo per stasera)

    Commento di forzaelettromotrice | novembre 1, 2007 | Rispondi

  8. meffemmeffemmeffem… una infinita catena di emme ed effe inanellate; internet eternet eternit… una spira di parole che induce un’intensa fem; manca una semplice “à”, un piccolo passo per passare dall’eternit all’eternità: piccole particelle infinetisamali che nei bronchi aiutano, danno una spinterella, accelerano.
    facciamo durare la corrente, elettrizziamoci.
    grazie della buonanotte e a te buon giorno (inoltrato, anzi a metà gia consumato).
    sullo schermo mi affaccio a momenti alterni, in modo discontinuo – dire discreto sa di autocompiacimento 🙂
    il profilo stratigrafico delle mie giornate evidenzia molte tracce sedimentate di sessioni allo schermo, farcitura di una millefoglie non sempre ben riuscita.
    dalla millefoglie passo alla ciambella: semplice? ma chi dice che la ciambella è semplice? innanzitutto, si sa, non tutte le ciambelle nascono col buco, e già questo dovrebbe far riflettere che essa così semplice proprio non dev’essere; se poi vogliamo citare un illustre pensatore, non attorno a tutti i buchi c’è una ciambella e questo rende ancora più complessa l’ontologia della ciambella. Se poi, dalla metafisica vogliamo passare alla pura scienza, chi può dire che la funzione generatrice della ciambella sia semplice (almeno per la rete neuronale Euro-55 in rottamazione come la mia: vedasi alla voce ciambella in http://it.wikipedia.org/wiki/Toro_%28geometria%29);per non parlar poi della fenomenologia della ciambella quale ad esempio possiamo trovare in Homer Simpson. Mi fermo qui certo di aver dato sufficienti indizi per far riconsiderare il giudizio comune sulla nostra, del cui emblema il toro orgogliosamente si adorna.
    quanto al toro di moebius, si potrebbe immaginare di applicare una valvola in un punto della superficie di un nastro di moebius, senza perforare la faccia sottostante e quindi con una pompa di bicicletta mettersi a gonfiare; nel mondo di cartoonia dovrebbe funzionare.

    Commento di Guido | novembre 2, 2007 | Rispondi

  9. mmm mi è venuta voglia di mangiare un krapfen, tutto ricoperto di zucchero e magari ripieno di crema e con l’ovvia forma a ciambella… appena sfornato o niente, però.

    dammi tempo che mi rimetto in pista, incomincio ad accumulare arretrati anche nel mio blog, come mio solito in tutto quello che fo.

    Ah come vorrei essere un polipo, un’idra, una dea Kalì…

    fem

    Commento di forzaelettromotrice | novembre 2, 2007 | Rispondi

  10. se posso esprimere una preferenza, opterei per Kalì 😉

    Commento di Guido | novembre 2, 2007 | Rispondi

  11. io adesso opto per la dea del dolce dormire 🙂

    buona settimana

    fem

    ach mi sono dimenticata di vedere in tv, come si chiama (?), Crozza che mi consigliava su altro post il sergente Pepper… da Pepper a Popper concludo che troppa tv mi fa male, quindi ho fatto bene!

    Commento di forzaelettromotrice | novembre 4, 2007 | Rispondi

  12. ach, c’era anche report…

    non capisco perchè nel mio blog mi sono messa a parlare di tv…
    c’è una faccina per la sorpresa? forse questa: :-0
    (un mio amico mi aveva regalato un libretto con tutte le faccine, chissà che fine ha fatto)

    Commento di forzaelettromotrice | novembre 5, 2007 | Rispondi

  13. report l’ho visto. molto interessante, direi, e istruttivo su intrighi e lotte di potere nel mondo bancario e finanziario italiano, con Geronzi al centro. La parte più incredibile è la faccia tosta di Fiorani. recuperalo sul sito di rai3.
    ti segnalo anche qua una cosa che potrebbe interessarti:

    La Casa della Poesia
    Palazzina Liberty
    Largo Marinai d’Italia 1
    Milano
    Giovedì 8 novembre 2007 ore 21
    Diotima e la suonatrice di flauto testo e regia di Ida Travi

    buona settimana anche a te 🙂

    Commento di minotauro5 | novembre 5, 2007 | Rispondi

  14. ed io non so quando sarò
    nato in un giorno nascosto
    in questo posto umido e stanco
    che piaceva fosse buio,
    ma me l’hanno detto
    con un timbro preciso me l’hanno pronunziato dentro
    c’hanno messo l’orgoglio del tempo misurato
    e la coscienza appena potuto
    che avevo cominciato a morire
    hanno dato per scontato avrei avuto piacere
    a compiere un giro a ogni anno
    a fare compere per festeggiarlo
    a fare finta che fosse bello.
    Punteggiati di volti morti,
    butterate le vie, le case i casi
    della vita i palazzi quieti
    le armi in mano strette di notte
    e i denti che non si staccano,
    sono tutte cose che si dimenticano
    tranne quando nascemmo.

    non mi dovevi sposare?

    Commento di ilgiovannimarri | ottobre 18, 2008 | Rispondi

  15. il mio fu amore a prima vista (qui: http://lapoesiaelospirito.wordpress.com/2008/01/16/3874/) e adesso lo è a seconda vista, dopo questa tua poesia……

    trattasi di serendipity forse, visto che domani è il compleanno del mio blog e ci sarà il post per i festeggiamenti (e facciamo finta che sia bello, dai!).
    quindi ci possiamo sposare domani, già che ci siamo :-))
    fai in tempo a organizzarti?

    Commento di forzaelettromotrice | ottobre 19, 2008 | Rispondi

  16. Stesso compleanno di Alfred Hitchcock, Ambrogio Fogar, Domenico Dolce (senza Gabbana) e Amélie Nothomb; nel 2006 ho compiuto la metà degli anni di Fidel (e a Cuba c’è chi giura che a 30 anni ci somigliavamo, perfino; ma io non mi sono mai affacciato al balcone per fare discorsi chilometrici; anche se debbo confessare che qualche volta sono stato tentato…)

    http://aitanblog.splinder.com/post/8934748

    Commento di aitan | giugno 2, 2009 | Rispondi

  17. la somiglianza c’è 😉

    caspita, Amélie Nothhomb e Hitchcock!!! (senza nulla togliere agli altri due, che tra l’altro sono molto più facili da scrivere!!) E sei in anticipo di due giorni su Napoleone (che mi sembra sia nato il 15 agosto…)

    sono felice di averti conosciuto alla serata di Blog&nuvole, anche se non mi sono potuta fermare alla cena per poter chiacchierare un po’ di più….

    Commento di forzaelettromotrice | giugno 3, 2009 | Rispondi

  18. lo facciamo il racconto insieme per Remo Bassini “Italia di oggi” !?
    Dai, francesca, dai!!!
    MarioB.

    Commento di Mariobianco | giugno 29, 2009 | Rispondi

  19. secondo te?? Posso dirti di no?? (A costo di tradire Efialte… come mi piacerebbe che lui partecipasse con Harveyz la coniglia… chissà….)

    Commento di forzaelettromotrice | giugno 29, 2009 | Rispondi


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: