fem

pourquoi il y a quelque chose plutôt que rien? (Leibniz)

dimensione

2

dimensione di me nessuna mansione

o compito che si possa

che si addica, che si additi

dia adito a

un malcapitato economico

non dico di no, però

si schianta su generazioni di gente

numerici, plurimi

sono i ruoli senza interpreti alcuni

l’assenza di volto dall’umano

è presente riempimento di vuoto

concretezza e realtà

soprattutto volgare.

3

dimensione da circo

l’incubo di bimba incapsulata sotto al rosso

alla segatura nel buio.

Freddo osseo e soffosfondo di banda

animale

4

dimensione e geometria mentale

il prossimo saggio

intere fratte non finite

spingono sotto alle dita

l’autore si sforza di schiarire

avvicinare – ammansire 

l’impensato

io lettore lo attendo

ignara

lui corregge, cifra

risnoda, frigge alquanto

lei fraseggia, spezza

rimuove, passa.

forse nella stessa direzione

5

dimensione pioggia radente

spiazza l’animale crudo perché vivo

diagonali tracciate nell’aria, ali di vento.

freddo caduco nei miei rimproveri

ipotesi di schegge da pazzi

ipotesi di spiagge pulite

mi intossico sotto sforzo,

recrimino l’aria obbligata, l’uomo nero

il microcriminale che aspiro

dal piombo al sottile polveroso

il passo non mi sembrava così breve

c’è voluta quasi una vita,

cruda.

6

dimensione acquatica

irrespirabile

cloro o sale

acustiche altre

diversi terreni, tridimensionali,

avvolgono l’essere

e lo trasformano

7

dimensione men

a new

lo ascolto alla radio

o inceppo nel video

come la carta stagna

sfrigola e luccica

lo accartoccio

8 

dimensione piccola

fine e inizio di se stessa

guarda l’alto l’altissimo

sbadiglio o stupore?

piccoli disegni su fogli grandi

con matite e punte

con le dita

stropiccia nuvole di polveri colorate

su cartoncini e nastri

dissimula bene fra le fessure dei libri

nasconde segretissimi sotto cassettoni

così piccoli da sparire

poi scopre qualcosa

di ancora più piccolo

Annunci

dicembre 19, 2009 - Posted by | sconfinamenti, scritte

2 commenti »

  1. fantastiche, complimenti.

    Commento di sergiogarufi | gennaio 9, 2010 | Rispondi

  2. ciao Sergio, ti ringrazio per averle lette 🙂

    Commento di forzaelettromotrice | gennaio 9, 2010 | Rispondi


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: