fem

pourquoi il y a quelque chose plutôt que rien? (Leibniz)

interno

profondita'_paolotti

Eccoli lì, seduti in circolo mentre fuori, senza che nessuno se ne accorga, cala segretamente la sera. Dall’interno si vede l’oscurità premere contro i vetri delle finestre e si sentono di tanto in tanto dei rumori sulla strada, o il suono ritmato di un tamburello da una chiesa dei dintorni. Nella stanza, invece, tutto è tranquillo. Per un attimo nessuno parla, e ogni volto sembra rabbuiarsi come il cielo di fuori. Mia madre fa dondolare leggermente il busto, e gli occhi di mio padre sono chiusi. Tutti stanno guardando qualcosa che un bambino non può vedere. Per un attimo si sono dimenticati dei figli. Può darsi che ce ne sia uno sdraiato sul tappeto, mezzo addormentato. Oppure che qualcuno, tenendone un altro in braccio, gli stia accarezzando distrattamente la testa. Può darsi che un bambino, tranquillo e con gli occhi grandi, se ne stia raggomitolato in un angolo su una poltrona. Il silenzio, l’oscurità che sta sopraggiungendo e l’oscurità di quei volti gli incutono misteriosamente paura. Lui spera che la mano che gli accarezza la fronte non smetta mai, che non si fermi mai. Spera che non debba arrivare mai il momento in cui gli adulti non siederanno più in circolo in soggiorno, a raccontare da dove vengono, e quello che hanno visto, e quello che è successo a loro e ai loro cari.
Nel bambino, però, c’è qualcosa di profondo e vigile che gli dice che questa cosa è destinata a finire, che sta già finendo. Tra un attimo qualcuno si alzerà e accenderà la luce. Allora gli adulti si ricorderanno dei piccoli e per quel giorno non parleranno più. E mentre la luce invade la stanza, quel bambino è invaso dall’oscurità. Sa che ogni volta che succede questo lui si avvicina un po’ di più all’oscurità che c’è là fuori. E’ proprio da lì che vengono, ed è ciò a cui devono resistere. Il bambino sa che non parleranno più perché se lui sapesse troppo di quel che è successo a loro, saprebbe troppe cose e troppo presto su quello che succederà a lui.

da “Il blues di Sonny” di James Baldwin (in “Racconti musicali” a cura di Carlo Boccadoro)

nell’immagine:Profondità” di Alessandro Paolotti

Annunci

ottobre 31, 2009 Posted by | forme, sconfinamenti, scritte | Lascia un commento

Il tè di gelsomino

cioncionblu

Continuando a camminare lungo la stradina dei lillà trovarono un’altra casetta dipinta di rosso, di blu, di uccellini e di fiori, con un’insegna che diceva: “Pao Ciao – Pittore di cose vere“.
Il giardinetto era pieno di bambù e di campanelline bianche e rosa di convolvoli. Nel giardino c’era anche un roccione alto e scuro da cui precipitava una cascata d’acqua spumeggiante.
Vicino alla cascata c’era un pittore distratto, con un berrettone rosso che gli scendeva su un orecchio, che si agitava davanti a un cavalletto su cui era fissato un lungo foglio di carta. Con tanti pennellini e con tanti colori, il pittore dipingeva una casetta rossa e blu, con un giardinetto pieno di bambù e convolvoli in cui c’era una roccia con una cascata.
– Signor pittore, – gli chiese Cion con rispetto, – non hai mica una bella tazza di tè di gelsomino per l’imperatore mio amico?
– Non ne ho. – rispose il pittore senza voltarsi, – Però se vuoi posso dipingerla.
– Non è mica lo stesso, – osservò Cion Cion Blu.
E’ lo stesso, – protestò il pittore seccato, – perchè la dipingo così bene che poi è come se ci fosse veramente.
– E si può anche berla? – domandò Cion un po’ incredulo.
– E si può anche berla, – disse il pittore.
Prese un altro foglio di carta e in un momento dipinse una bella tazza turchina piena di un liquido bollente; era talmente bollente che il vapore bagnava tutta la carta.
– Ecco, – disse il pittore.
Staccò la tazza dalla carta e la porse a Uei Ming.
L’imperatore ne bevve un piccolo sorso poi cominciò a protestare: – Ma questo non è tè di gelsomino, è aranciata!
– E’ aranciata! – disse Cion Cion Blu tutto contento, – dalla a me.
Prese svelto la tazza e se la bevve tutta leccandosi le labbra.
– E’ buonissima, – disse. – E’ buona come quella che mi preparo io alla mattina.
Il pittore era contrito e teneva gli occhi bassi.
– Scusatemi, – disse. L’ho dipinta sbagliata. Non sono mai riuscito a dipingere il tè di gelsomino. Non so perchè. Non so perchè. Se volete vi posso dipingere una tazza di salsa di pomodoro.
Cion chiese all’imperatore:
– Ti va bene la salsa di pomodoro?
– No, no – rispose Uei Ming; – ho proprio voglia di un po’ di tè di gelsomino.

dal capitolo quinto di “Cion Cion Blu” di Pinin Carpi

ottobre 28, 2009 Posted by | 1, scritte, teiere | 3 commenti

Cantos

viadellacqua

tappeto per i Cantos. Tre ciliegie centrali annunciano un’estate perenne. Tappeto per la resa di grazie e l’alleluia. Vi sono uccelli azzurri, lampi di luce chiarissima. Vi è il suono di voci umane ed animali che viaggia nello spazio senza indebolirsi
Il bianco indica la salute degli occhi vispissimi. Il rosso e l’arancio le strade che non vanno in nessun posto. Tessitore entusiasta.

(dallo spettacolo Cantos, Teatro Valdoca, 1987, testi di Mariangela Gualtieri)

 

Per festeggiare due anni di blog, propongo il riscaldatore elettrico per nasi del Dottor Bunsen, col freddo che fa!!!

ottobre 20, 2009 Posted by | sconfinamenti, scritte | Lascia un commento

bestiario digitale

digital

Ecco un altro di quei posti nei quali mi piace passare: Singlecell

nel mese di marzo ci sono tanti quadrati volanti…

ottobre 14, 2009 Posted by | forme, macchine, numeri | 3 commenti

[vampa #105]

sono molto felice di pubblicare anche qui l’ultima vampa (multiplo di 5) di Alessandro 

lavsmllSplendo l’assenza di appigli e scintille non può prendermi nel suo cono d’ombra potrà farmi dubitare questo sì lo sta già facendo ma anche oggi ho visto crollare molte delle cose che ieri avevo visto gemmare per cui ieri avevo voluto lottare e ancora tra tutte una sola ho voluto che restasse bianca e incorrotta con la marina liberata di calure e lividezze splendo e rido come avessi in corpo solamente sole terre rosse e vigne come fossi il monte velato di ogni goccia del sangue del crepuscolo come fossi un corpo solo con il fresco di questi mattini la schiuma bianca che tenta la riva sempre più a fondo la luna prima pallida e poi calice di bianco serico profumato così impercettibile addirittura ogni segno lasciato dal fuoco richiude ammutolito. Non avevamo forse detto che noi soli saremmo rimasti in piedi nudi sopra le ceneri e che le braci ci avrebbero segnati ma non consumati né divorati? Come vedi il vecchio vizio di ostinarsi a nascere e rinascere nessuno è riuscito ancora a togliercelo ci lanciamo tra i due lassi come farebbero gli acrobati o gli scommettitori comunque appesi al culmine di una febbre che avanza con lunghe strade negli occhi sconosciute e illuminate e mute se non fosse per il ronzio della vita stessa che le attraversa come un sangue o una corrente o una lode a Dio o un instancabile concerto di elitre e tamburi che vibra di corde e colpi e carni e sudori vaporando di pudori remore e nequizie vociando del vociare di piazze nell’ora dei bicchieri sempre colmi. Ho tutto in borsa e spezzerò i sigilli soltanto ricordando che liberi eravamo quando niente e nessuno aveva un prezzo o un uso o una debolezza da forzare o da celare.

In foto: ventare v. intr. [der. di vento] (io vènto, ecc.; aus. avere), ant. o poet. – 1. Soffiare, tirare vento, con costruzione pers. o impers.: la parte da dove venta l’Africo; ventava forte; Rincalza su la spiaggia ora la nave Nera con pietre, che al ventar non tremi (Pascoli); O rabido ventare di scirocco Che l’arsiccio terreno gialloverde Bruci (Montale); in senso fig.: il turbine poi delle passioni religiose che ventava dalle alpi germaniche (Carducci); un urlo di tutti i petti ventò verso l’intrepido (D’Annunzio). 2. Muovere l’aria, soffiare verso una persona, farle vento, con costruzione impers. o pers.: Senti’ mi presso quasi un muover d’ala E ventarmi nel viso (Dante); le fiaccole … turbano il sonno dei grandi pipistrelli-vampiro ed è un turbinare di ali silenziose che ci ventano in volto (Gozzano); riferito all’aria stessa: va come beandosi dell’aria che gli venta sulla bella faccia di cera (Pirandello). 3. Sventolare (nel sign. intr.): per l’azzurro ciel la gialla insegna Passa a gl’itali zefiri ventando (Carducci). (Monte Conero-Ancona, 2009)

ottobre 6, 2009 Posted by | scritte, Special Guest Metrovampe | Lascia un commento