fem

pourquoi il y a quelque chose plutôt que rien? (Leibniz)

relatività leopardiana

La tartaruga lunghissima nelle sue operazioni ha lunghissima vita. Così tutto è proporzionato nella natura, e la pigrizia della tartaruga di cui si potrebbe accusar la natura non è veramente pigrizia assoluta cioè considerata nella tartaruga ma rispettiva. Da ciò si possono cavare molte considerazioni.

Giacomo Leopardi, Lo Zibaldone [32]turtle.jpg

Annunci

marzo 29, 2008 Posted by | scritte | 11 commenti

tempo teiera

alice.gif

 Alice sospirò, stanca. “Secondo me potreste impiegare meglio il vostro tempo” disse “invece di sprecarlo con indovinelli senza risposta.”

Se tu conoscessi il Tempo come lo conosco io” disse il Cappellaio “non ne parleresti con tanta confidenza.”

“Non so che vuoi dire” disse Alice.

“Certo che non lo sai!” disse il Cappellaio, agitando sprezzante il capo. “Scommetto che non ci hai nemmeno mai parlato, col Tempo!

“Forse no” rispose prudente Alice “ma so che devo batterlo quando ho lezione di musica.

“Ah! Questo spiega tutto” disse il Cappellaio. “Non gli va di essere battuto. Se invece ti fossi mantenuta in buoni rapporti con lui, lui farebbe fare al tuo orologio tutto quello che vuoi tu. Per esempio, metti che siano le nove di mattina, l’ora di cominciare le lezioni: basta che gli sussurri una parolina, al Tempo, ed ecco che le ore volano via in un battibaleno! L’una e mezzo, ora di pranzo!” (“Magari fosse vero” si disse sottovoce la Lepre Marzolina.)

“Certo, sarebbe magnifico” disse Alice soprappensiero “però… mi sa che non avrei ancora fame.”

“Dapprincipio no, forse” disse il Cappellaio “ma puoi tenerlo fermo all’una e mezzo finche vuoi.”

“E tu fai così?” chiese Alice.

Il Cappellaio scosse il capo dolorosamente. “No!” rispose. “Abbiamo litigato lo scorso marzo… proprio prima che quello lì impazzisse, sai…”(indicando col cucchiaio la Lepre Marzolina) “… fu al gran concerto dato dalla Regina di Cuori, dove io dovevo cantare: “Brilla, brilla, pipistrello! / Sarai topo o sarai uccello?” Forse la saprai, questa canzone?”

“Ne ho sentita una simile” disse Alice.

“Questa continua così” proseguì il Cappellaio: “”Nella quiete della sera / Voli come una teiera. Brilla, brilla… “”

A questo punto il Ghiro si riscosse e si mise a cantare nel sonno “ Brilla, brilla, brilla, brilla…” Non la finiva più, e dovettero dargli un pizzicotto per farlo smettere.

“Be’, avevo appena finito la prima strofa” disse il Cappellaio “che la Regina si mise a strillare: “Sta assassinando il tempo! Mozzategli il capo!”

“Che orrore!” esclamò Alice.

“E da allora” continuò il Cappellaio in tono doloroso “non vuol fare più nulla di quello che gli chiedo! Ora sono sempre le sei.”

Alice ebbe un’idea brillante. “…per questo che avete pronti tanti servizi da tè?”

“Sì” disse il Cappellaio con un sospiro “è sempre l’ora del tè e non abbiamo il tempo di lavare la roba negli intervalli.”

un the da matti

marzo 27, 2008 Posted by | teiere | 19 commenti

una fetta di limone

joseph-beuys-capri-batterie-1985.jpg

immagine rubata da un post di FK su Nazione Indiana, troppo bella per non essere trafugata!

Amplesso elettrotecnico fra una fem acido-citronica e l’icona gialla dell’idealismo

marzo 26, 2008 Posted by | sconfinamenti, teiere | 6 commenti

I’m a little Teapot

little_teapot.jpg

music

marzo 21, 2008 Posted by | teiere | 9 commenti

Hanami

fiori_ciliegio.jpg

L’anno scorso il portavoce dell’Ente metereologico nazionale giapponese si era scusato pubblicamente per aver indicato il 18 marzo (e non il 21) come giorno per la festa nazionale della fioritura dei ciliegi.

Ecco le sue parole: “Chiedo perdono dal più profondo del cuore per aver diffuso notizie inesatte”.

marzo 18, 2008 Posted by | jap, sconfinamenti | 6 commenti

gerarchie

grade-amiral.gif

Una volta capito che gli uomini si uccidono l’un l’altro per stabilire una dominanza o per mantenerla, vien voglia di concludere che la malattia più pericolosa per la specie umana, non è né il cancro né le malattie cardiovascolari, come cercano di farci credere, ma il senso delle gerarchie, di tutte le gerarchie. Non c’è guerra in un organismo perché nessun organo cerca di dominare l’altro, di comandarlo, di essergli superiore. Tutti funzionano in modo da far sopravvivere l’organismo. Quando mai capiranno, i gruppi umani appartenente al grande organismo della specie umana, che il loro scopo è la sopravvivenza dell’insieme e non l’affermazione della loro dominanza sugli altri? Nessuno, da solo, rappresenta la specie e nessuno ha il monopolio della verità.

Henri Laborit “Elogio della fuga” (1976)

marzo 15, 2008 Posted by | 1, numeri, sconfinamenti, scritte | 8 commenti

3,14

pi_greco.jpg

 Tre imperfettibile è degno archetipo di quella serie che svela, volgendo circolare, mirabil relazione = 3,14159265358979

altre filastrocche mnemoniche come questa, sul sito di Base 5

marzo 14, 2008 Posted by | numeri | 5 commenti

teiera (4)

m0104teiera2.gif

teiera_utah.jpg

marzo 10, 2008 Posted by | teiere | 16 commenti

inchiostro

fungo_inchiostro.jpg
fungo dell’inchiostro

 

L’INCHIOSTRO DISPLEZZATO PER LA SUA NEREZZA DALLA BIANCHEZZA DELLA CARTA, LA QUALE DA QUELLO SI VIDE IMBRATTARE.

Vedendosi la carta tutta macchiata dalla oscura negrezza dell’inchiostro, di quello si dole; el quale mostra a essa che per le parole, ch’esso sopra lei compone, essere cagione della conservazione di quella.

Leonardo da Vinci (Favole)

marzo 9, 2008 Posted by | sconfinamenti, scritte | 4 commenti

Otto per otto

figure_8.jpg  figure_8a.jpg

http://www.youtube.com/watch?v=Jeq5a8bBh8c&feature=related

marzo 8, 2008 Posted by | forme, numeri | 2 commenti